Club alisitt de Rabat et Salé

Un espace de rencontre des lauréats de l'Institut Supérieur International du Tourisme de Tanger
 
AccueilPortailCalendrierGalerieFAQRechercherS'enregistrerMembresGroupesConnexion

Partagez | 
 

 La Marrakech d’élite di Francorosso

Voir le sujet précédent Voir le sujet suivant Aller en bas 
AuteurMessage
am3doure



Masculin
Nombre de messages : 108
Age : 54
Localisation : Rabat
Date d'inscription : 25/06/2007

MessageSujet: La Marrakech d’élite di Francorosso   Mer 7 Nov - 0:00

La Marrakech d’élite di Francorosso



Alpitour & Marocco
Daniel John Winteler, presidente di Alpitour World, ha ricevuto a Torino, insieme ai vertici Francorosso, Adil Douiri, ministro del Turismo del Marocco, e Abbas Azzouzi, direttore generaledell’Office National Marocain du Tourisme; Fatim-Zahra Zerrad, capo di Gabinetto del Ministero, Rachid Maaninou e Kamar El Hakmaoui, rispettivamente Direttore dei Mercati e Capo del Dipartimento Italia-Marocco dell’Office National Marocain du Tourisme.
Obiettivo dell’incontro è siglare un accordo tra il Gruppo Alpitour e l’Ente del Turismo del Marocco. L’iniziativa prevede una forte partnership commerciale e di marketing per promuovere i flussi turistici verso Marrakech e le altre principali località turistiche del paese. Da parte sua, l’Ente del Turismo del Marocco sosterrà le attività che Alpitour World - attraverso i Tour Operator Francorosso, Alpitour e Karambola, la divisione Francorosso Incentive e la compagnia aerea Neos - ha studiato per promuovere in maniera più incisiva la destinazione.
L’accordo, valido a partire dal 1° novembre, si inserisce in un piano più articolato di iniziative che il ministero del Turismo del Marocco intende intraprendere con Alpitour World.

Viaggio a Marrakech


Francorosso propone con volo Neos da Milano Malpensa un weekend a Marrakech, una delle più seducenti città del Marocco.
La storia di Marrakech ha inizio alla fine del X secolo, con la costruzione della Medina; e nel corso dei secoli è diventata una città sempre più affascinante, tanto da essersi meritata l’appellativo di perla del Sud. Il cuore della città è la frenetica piazza Djemaa El Fna, sorta di palcoscenico vivente, tra continui spettacoli di cantastorie e saltimbanchi, pugili bambini, musici e danzatori, venditori di amuleti e filtri magici, imbonitori e ciarlatani di ogni genere. Dalla piazza si accede al souk, un labirinto di viuzze che è un’autentica festa dei sensi, tra gli odori e i colori delle tantissime merci esposte. Originariamente suddiviso in settori legati alle attività che vi si svolgevano, oggi, in seguito al crescente numero dei negozi, questa separazione è meno netta.

I Giardini

Quando la città fu costruita, i due terzi della Medina erano occupati da giardini e frutteti: infatti, è tradizione delle popolazioni islamiche circondarsi di verde, perché per loro i giardini costituiscono la rappresentazione simbolica del Paradiso. Oggi rimangono i giardini all’esterno delle mura, gli altri sono stati in parte sostituiti con abitazioni, in seguito allo sviluppo della città nuova intorno al 1919.
Costruita durante il protettorato francese, tutta la nuova città viene comunamente chiamata Gueliz, dal nome dell’arenaria estratta dall’omonima collina nella periferia nord-occidentale. In realtà la zona è costituita da due quartieri: Hivernage, dove si trovano molti alberghi, e Gueliz dove, sui grandi viali, si trovano la maggior parte degli uffici, ristoranti e negozi, tra cui i più noti antiquari, e i famosi giardini di Marrakesh. Il Majorelle, per esempio, dal nome del suo creatore, il pittore francese Jacques Majorelle (vissuto in Marocco dal 1922 al 1962): è un parco di circa 4 ettari con piante esotiche provenienti da tutto il mondo, piscine, fontane ed edifici dipinti di blu cobalto, colore noto per l’appunto come blu Majorelle. Rimasto chiuso per molti anni dopo la morte del pittore, il nuovo proprietario dal 1999 è Yves Sain Laurent, che decise di commissionarne il restauro al famoso botanico marocchino Abderrazzak Benchaàbane, che è riuscito a far rivivere il giardino rimanendo fedele al progetto originale di Majorelle.
Sorprendente in particolare l’accostamento dei colori. La casa del pittore, ora sede del museo di arte islamica, è circondata da circa 250 tipi diversi di cactus, da bambù e cascate di buganville, e una piscina piena di ninfee.

L’Ospitalità Marocchina

Le emozioni che Marrakech riesce a trasmettere vengono esaltate dall’ospitalità della Maison Arabe, all’interno dell’antica Medina, in prossimità della moschea di Bab Doukkala. Inizialmente famoso ristorante, è stato trasformato in hotel di charme, di proprietà del principe Fabrizio Ruspoli. Sviluppato intorno a tre corti fiorite, dispone di 17 camere (incluse 8 suite) tutte diverse tra loro, dove l’arte e il gusto europeo si integrano con lo stile marocchino, creando un’atmosfera di intimità e armonia che avvolge l’ospite facendolo sentire a casa. Fedele alla sua origine di celebre ristorante, la Maison organizza anche seminari di cucina marocchina, della durata di mezza giornata, che si svolgono nel club all’interno del giardino della proprietà dove si trova anche la piscina, a pochi minuti dall’hotel.

Hotel di charme, riad e minitour

Fino al 31 ottobre l’operatore propone weekend lunghi (4 giorni/3 notti, da giovedì a domenica; o 5 giorni/4 notti, da domenica a giovedì) a Marrakech con voli Neos da Malpensa e un’ampia scelta di soluzioni di soggiorno. I prezzi comprendono volo, pernottamenti e prima colazione.

Tra gli hotel di charme, oltre a La Maison Arabe (a partire da 657 euro in doppia), viene proposto Les Jardins de la Medina, situato in un palazzo principesco del XIX secolo (da 646 euro).
• Più nuova e originale la proposta di soggiornare in Riad (letteralmente, “giardino dell’Eden”), case tradizionali marocchine, ristrutturate e arredate con cura, con quote a partire da 585 euro in doppia.
• Originali anche i minitour: per esempio, 2 giorni/1 notte alla scoperta dell’Atlante in quad (da 956 euro in doppia) incluso il soggiorno a Marrakech; oppure 4 o 5 giorni lungo la strada della Kasbah in 4x4 (da 816 euro).
Info: http://www.francorosso.it

http://www.lagenziadiviaggi.it/notizia_standard.php?IDNotizia=130349&IDCategoria=1
Revenir en haut Aller en bas
Voir le profil de l'utilisateur http://www.zorkani.uniterre.com
 
La Marrakech d’élite di Francorosso
Voir le sujet précédent Voir le sujet suivant Revenir en haut 
Page 1 sur 1
 Sujets similaires
-
» Demande de grade dans la marine d'élite
» [UploadHero] Tropa de Elite (troupe d'élite) [DVDRiP]
» La vocation de l'élite par JEAN PRICE MARS
» Devenir un élite
» Le travail réclame l'élite des humains ? Lilian

Permission de ce forum:Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum
Club alisitt de Rabat et Salé :: Tourisme Marocain :: Autres-
Sauter vers: